Mercoledì 30 novembre al MACTE dichiarazioni congiunte della ditta e dell’amministrazione

Mercoledì 30 novembre alle ore 16.30 presso il MACTE (Museo d’Arte Contemporanea Termoli) in via Giappone a Termoli, avrà luogo la presentazione delle dichiarazioni della ditta aggiudicataria dell’opera di riqualificazione del centro cittadino e dell’amministrazione comunale in risposta alle proposte emerse dalla relazione finale del Garante del Dibattito Pubblico Termoli 2020, Professor Marco Olivetti.

L’evento è aperto alla cittadinanza. Le testate giornalistiche sono invitate a partecipare.

Dibattito Pubblico Termoli 2020: le 4 proposte emerse dal dibattito e il tema dell’Alternativa zero.

Nella relazione finale il Garante del Dibattito Pubblico Termoli 2020 ha segnalato innanzitutto il tema dell’Alternativa zero, ribadendo che esso anche se non è emerso con evidenza dal confronto con le associazioni e i cittadini che hanno partecipato al confronto debba comunque essere tenuto in considerazione dall’amministrazione e dalla ditta, tenuto conto della conclamata contrarietà all’opera da parte di un segmento attivo della cittadinanza che non ha formalmente partecipato al Dibattito Pubblico. L’eventuale conferma dell’amministrazione comunale e della ditta della volontà di realizzare l’opera necessita, a parere del Garante, di un ulteriore sforzo di dialogo con tutta la cittadinanza al fine di spiegare di nuovo e meglio “i motivi forti che, nell’esercizio delle responsabilità di governo della città che gli elettori le hanno attribuito e che in base alla Costituzione le spettano in nome e per conto di tutti i cittadini, essa ritiene che la realizzazione dell’opera apporti un valore aggiunto alla vita della città.”

Amministrazione comunale e aggiudicatario, inoltre, dovranno dare il loro parere sull’accoglimento o meno delle quattro proposte emerse con più forza al termine dei due mesi e mezzo di confronto con la città e le sue componenti sociali e associative e così sintetizzate dal Garante:

  1. Proseguire l’opera di informazione e dialogo: un Urban Center per Termoli.
  2. Un comitato di controllo cittadino sull’esecuzione dei lavori

  3. Un Auditorium in grado di rafforzare l’offerta culturale cittadina

  4. Una estrema attenzione ad una gestione del cantiere compatibile con la vita della città.