LA RIQUALIFICAZIONE DI VIA ROMA E LARGO MONSIGNOR D’AGOSTINO

La realizzazione del passante sotterraneo e del parcheggio multipiano sotto piazza Sant’Antonio e Pozzo Dolce rappresenta la grande occasione per lo smistamento del traffico veicolare su altri percorsi rispetto a quelli che attualmente invadono il centro urbano consentendo così la pedonalizzazione dello strategico asse Via Roma-Piazza Sant’Antonio e, quindi, la ricucitura pedonale tra Borgo Vecchio e Corso Nazionale, luoghi deputati al passeggio cittadino. Tale ricucitura avverrebbe sotto due aspetti: architettonico e funzionale.

Architettonicamente si verrebbe ad avere finalmente un’uniformità del linguaggio pavimentale tra i luoghi sopra menzionati (Corso-piazza-borgo) tale da dare una lettura immediata e chiara della vocazione pedonale degli stessi oltre a consentirne un più facile arredo a dimensione di pedone, da poter modificare anche più volte nel tempo se necessario (disposizione di panchine, vasi alberati, tavolini e sedie degli esercizi ricettivi).

Funzionalmente il passeggio pedonale ,molto intenso in estate e in tutti i week-end dell’anno, verrebbe a guadagnarne in qualità e sicurezza in quanto non più fratturato pericolosamente dal passaggio di auto e motocicli né da gradini e cambi repentini di pendenze; un passeggio, dunque, spensierato per l’anziano come per il giovane, per il disabile e per le famiglie con bimbi al seguito.

È bene sottolineare che Via Roma pur venendo pedonalizzata come poc’anzi descritto rimarrebbe all’occorrenza sempre percorribile dai veicoli, questo necessariamente per garantire l'accesso al borgo vecchio ai residenti (con le regole che l’amministrazione comunale di turno stabilirà).